13 settembre 2005

Cerco

uova di quaglia alla luce della luna. In sogno. Dove tutto è blu e bianco latte. E quieto in maniera irreale.
Ma qualcuno mi mette fretta.
Io non l'ascolto. Raccolgo uova. Le cerco a terra,vicino a mucchietti di sassi e ciuffi d'erba. Sono piccole e perfette. Hanno piccole macchie scure.
Lontano il rumore del mare.
Come se tenessi in braccio un bambino, porto le mie uova.
Le guardo, ma non sono più uova. Sono sassi. E sono confuso.

Nessun commento: