28 ottobre 2005

Non posso

più contare su di te,mi dice. Con naturalezza.Come se avesse detto,passami il pane.
Hai ragione,le rispondo. Mi dispiace,aggiungo.
Mento. La verità è che dal posto in cui adesso mi trovo le sue parole arrivano ovattate.
E' come se mi soffiasse piano nell'orecchio. Nulla di più.

[..it's a strange day,no colors or shapes,no sounds in my head..]

Nessun commento: